Martano

Considerata la capitale della Grecia Salentina, Martano fu probabilmente abitata fin dall'età protostorica. A tale epoca risale la Specchia dei Mori, situata a ridosso della provinciale Martano-Caprarica ed il Menhir del Teofilo, ritenuto monumento dedicato ad antichi rituali religiosi che ebbero luogo presso le genti Japigie all'inizio dell'età del Ferro ( IX - VII secolo a. C). Nel Medioevo Martano fu abitata da coloni trasferiti dalle terre d'oriente e fu tanto fortemente grecizzata che il rito greco si mantenne sino al 600. Ancora oggi a Martano si parla il Griko. Da Martano provengono 3 Codici greci del secolo  XIII - XIV acquistati dalla Biblioteca Ambrosiana. Fortificata dopo la riconquista di Otranto, Martano conserva un nucleo abitato di cui rimangono due torri, le tipiche case a corte, un castello e diversi palazzi (Palazzo Moschettini, Micali, Stampacchia, Pino). Definito con il nome di “Terra” perché circondato da mura con fossato, torri e castello, la parte più antica di Martano rappresenta il centro abitato più interessante del Salento. Il villaggio antico fatto di piccole case a corte con straordinarie soluzioni architettoniche rimaste intatte è dominato dal Castello. Gran parte dei borghi di Martano è costituita dalle “case a corte”. La famiglia rurale contadina trovava nelle case a corte uno spazio comune per socializzare ed allontanare lo spettro dell'isolamento tipico del lavoro contadino. Spesso lo spazio della “corte comune” vedeva il coinvolgimento di sette, otto nuclei familiari. 
A Martano esistono molte chiese ed edifici sacri: la Chiesa Matrice; la Cappella degli Angeli; Convento dei Domenicani; Convento di Santa Maria della Consolazione; il Cimitero Comunale. 

Sito archeologico Apigliano

Apigliano è un antico insediamento urbano risalente all'epoca bizantina di cui si trovano ancora dei resti nelle campagne tra Martano e Zollino. Le testimonianze più antiche menzionano l'esistenza di un unità fiscale bizantina. Fondazioni di muro a secco, un acciottolato, un forno per la lavorazione del ferro definiscono la presenza di un insediamento di una certa importanza già nel secondo X.
Apigliano oggi è un sito archeologico situato a Martano che può essere attraversato e visitato grazie ad un percorso ciclo-turistico che offre scorci mozzafiato, dove il tempo della civilizzazione sembra essersi fermato per dare spazio alla natura incontaminata del Salento.

 

RESTIAMO IN CONTATTO

Ricevi le ultime novità